Sangue dal naso in gravidanza

sangue dal naso in gravidanzaLa fuoriuscita di sangue dal naso il cui termine “tecnico” è epistassi, è una situazione piuttosto frequente in gravidanza, soprattutto in chi ne soffriva già precedentemente al concepimento, ma non è raro si possa verificare nelle donne che non ne hanno mai sofferto. È dovuta alla fragilità dei capillari causata dal cambio di ormoni tipico della gravidanza.

Continua a leggere: Sangue dal naso in gravidanza…

Le Pigotte

IMG_9373

C’è un regalo che ogni Natale non manca mai sotto l’albero di casa nostra: la Pigotta.
La prima, regalo di mia mamma, è arrivata quando aspettavo supernano e poi man mano ogni anno la famiglia si è allargata. È un regalo per me, o meglio alla parte di me ancora bambina che adora le bambole di stoffa e che quindi le custodisce gelosamente, ma è un regalo che viene fatto ad un bambino di un paese in via di sviluppo.
Le Pigotte in dialetto lombardo erano le bambole di pezza del dopoguerra; oggi sono le bambole dell’UNICEF, uniche ed irripetibili.
Sono realizzate a mano con fantasia e creatività da nonni, genitori e bambini, a casa, a scuola, presso associazioni e centri anziani di tutta Italia. Con un minimo di 20 € tutti possono adottare una Pigotta e sostenere l’UNICEF e i suoi programmi salvavita dell’Africa centrale e occidentale.

Continua a leggere: Le Pigotte…

Probabile causa della morte in culla: il cervello “dimentica” di allertarsi

IMG_0080

Il problema della morte in culla è quanto di più angosciante possa esserci per un neogenitore. E fino ad oggi la causa era sconosciuta. Ora è emersa un probabile motivo. 

Secondo uno studio pubblicato dalla rivista Pediatrics a causare la morte in culla (Sids) nei neonati potrebbe essere un problema ad alcuni neurotrasmettitori che impediscono al bambino di svegliarsi in situazioni pericolose come quando ha troppo poco ossigeno. I ricercatori del Boston Children’s Hospital hanno analizzato campioni del cervello di 71 bambini morti per presunta Sids tra il 1995 e il 2008, indipendentemente dalla posizione in cui erano stati messi a dormire. In tutti i casi sono state trovate alterazioni nei livelli di alcuni neurotrasmettitori, ovvero sostanze controllano respirazione, ritmo cardiaco, pressione e temperatura e che nel caso di un’alterazione impediscono ai bambini di svegliarsi se respirano troppa anidride carbonica o il corpo diventa troppo caldo.

Continua a leggere: Probabile causa della morte in culla: il cervello “dimentica” di allertarsi…

Perchè in Italia le cose vanno male…

bandiera-italiana-asta

Lunedì mattino h.7.15 al distributore di benzina :

“Che faccia hai questa mattina! Cosa ti è successo? Non stai bene?”

Inizio la settimana alla grande, e soprattutto con una grandissima voglia di strozzare il mio decennale benzinaio.

Ma timidamente rispondo: “non saprei, sarà il sonno. Oppure il raffreddore , ma si deve andare…”

“Ah-è la risposta-mia moglie questa mattina ha spento la sveglia, si è girata dall’altra parte e mi ha detto che alle 8.30 avrebbe avvisato che non sarebbe andata a lavorare. Si sentiva un pò così. Sai lei lavora in comune….”

Ogni commento è superfluo.

E  mi perdonino i lavoratori comunali seri!