Perché le mamme urlano?

kinder-anschreien-darf-ich-als-mutter-auch-mal-laut-werden

Si lo so, è la scoperta dell’acqua calda, ma perché quando noi urliamo non ce ne accorgiamo neppure mentre se sono altri ad urlare ci da perfino fastidio?
L’altro pomeriggio tornando a casa, un amichetto di supernano continuava a chiedere la stessa cosa alla mamma che all’ennesima richiesta è sbottata. Il bambino con una tranquillità da far paura le ha chiesto perché urlasse sempre e fosse sempre arrabbiata. Risposta della mamma: “sono stanca, sono in piedi dalle sei della mattina e ho ancora da lavorare”.

Continua a leggere: Perché le mamme urlano?…

La mononucleosi: cos’è, come si manifesta

ciuccio

Di mononucleosi avevo già parlato ma ho pensato di ritrattare l’argomento in maniera più completa e schematica a causa dei frequenti casi di cui ho sentito parlare in questi giorni, della difficoltà a discernere i sintomi da quelli, simili, ma di altre patologie e dei dubbi che ancora si nascondono dietro questa malattia apparentemente banale.
definizione:
è una malattia infettiva acuta e contagiosa dovuta al  virus di Epstein-Barr un microrganismo appartenente alla famiglia degli herpesvirus;  in gergo popolare è conosciuta come malattia del bacio
incubazione
nei bambini piccoli è di circa un mese, mentre negli adulti 45-60 giorni

contagio:
– per via diretta (tramite la saliva, per questo è chiamata “malattia del bacio”)

– per via indiretta (ad esempio bevendo con un bicchiere usato da un paziente infetto o nel caso dei bambini piccoli con lo scambio di giochi o ciucci). Continua a leggere: La mononucleosi: cos’è, come si manifesta…

Il lavaggio nasale nel raffreddore

fffffffffffff

Tra i tanti interventi e terapie, spesso inutili, consigliate nel caso di bambini con il raffreddore, i lavaggi nasali rappresentano un’ importante procedura per la  pulizia del naso e l’eliminazione del muco, per migliorare la respirazione del bambino e pertanto prevenire tosse, otiti e sinusiti dovute all’accumulo delle secrezioni nelle cavità chiuse (orecchio medio e seni paranasali). 
Tenere il naso sempre libero è quindi la prima cosa da fare, specie nel caso di bambini molto piccoli.
Considerando poi che un lattante non è in grado di respirare con la bocca e per succhiare ha bisogno di respirare almeno in parte dal naso, è indispensabile tenerlo pulito, indipendentemente dal raffreddore, per permettergli di respirare sia mentre mangia che mentre dorme. Continua a leggere: Il lavaggio nasale nel raffreddore…

I malanni di stagione: quanto durano?

ffffff

A casa sono stata spesso presa in giro perché quando i famigliari mi chiedevano informazioni per qualche malanno io ero solita ripetere “ti passa come ti è venuto”. Frase ormai rimasta storica. E anche fra gli amici sono nota per minimizzare, ridurre al minimo i farmaci e soprattutto nel caso dei bambini e delle forme virali, attendere.
Ora posso portare a supporto delle mie idee uno studio coordinato da Matthew Thompson della University of Washington a Seattle pubblicato sul British Medical Journal secondo il quale i malanni di stagione come tosse, raffreddore, otite, mal di gola, che colpiscono i bambini durano più di quanto si creda e spesso bisogna solo avere la pazienza che vadano via da sé, senza intervenire.   Continua a leggere: I malanni di stagione: quanto durano?…

L’epifania: tutte le feste porta via…

2014-01-05 23.00.46

È un detto comune e in alcuni casi lo si dice anche con un certo sollievo. In genere capita quando il parentado durante le festività è stato piuttosto presente e invadente oppure quando i figli non inseriti nella solita routine e in preda all’euforia degli eventi hanno fatto letteralmente impazzire. E questa seconda situazione è quella che ho capito essersi più frequentemente verificata leggendo qua e la i vari blog.
Ecco, quest’anno a me non è successo nulla di tutto questo. Quest’anno ho salutato la fine delle festività con un certo rammarico. E la notte scorsa trascorsa completamente in piedi al lavoro in pronto soccorso non è certo stata d’aiuto.
Continua a leggere: L’epifania: tutte le feste porta via……