A quanti mesi inizia a camminare un bambino?

IMG_2485

E‘ giusto preoccuparsi se un bambino a 12 mesi non cammina ancora? Questo è uno dei tanti motivi di angoscia dei genitori quando il piccolo all’anno compiuto non sembra avere alcuna intenzione di iniziare a camminare e l’ansia è tanto maggiore quanto cuginetti, altri figli o bambini di amici hanno mosso i primi passi precocemente.
Scontato dire che ogni bambino ha i suoi tempi quando il genitore è pronto con le prime scarpette. Salvo poi “pentirsene” e  sognare i bei tempi in cui il cucciolo era immobile nel passeggino.

Continua a leggere: A quanti mesi inizia a camminare un bambino?…

Le fratture ossee

fratture ossee

Per frattura ossea si intende la rottura di un osso, generalmente accompagnata da lesioni dei tessuti circostanti, la cui gravità dipende da quale osso viene colpito e dal tipo di frattura. Le fratture possono essere esposte (quando la cute e le parti molli che coprono l’osso sono lacerate) o chiuse; scomposte (quando le estremità fratturate dell’osso sono separate o angolate) o composte; nel caso dei bambini si parla di frattura a legno verde in cui l’osso è solo parzialmente flesso e non si ha la  sua rottura completa (come nella rottura incompleta che si verifica quando si tenta di piegare un ramoscello verde).
Le fratture ossee sono generalmente provocate da traumi, incidenti, cadute, contusioni o anche movimenti insoliti. Alcune patologie (come infezioni, tumori ossei benigni, cancro, osteoporosi) possono indebolire parti dello scheletro rendendo più facili le fratture (in questo caso, si parla di fratture patologiche).

Continua a leggere: Le fratture ossee…

Il morso di zecca e conseguenze

zecca

Ancora un evergreen già trattato: il morso di zecca. Ogni anno in primavera-estate è in aumento il numero di persone che richiedono le cure dei sanitari per essere stati morsi da zecche, infettate da animali selvatici e presenti soprattutto nelle aree boschive pedemontane. Le zecche sono in aumento anche per l’aumentare dei terreni incolti.
Il morso di zecca è indolore e nel 70% dei casi passa inosservato. Se la zecca non è infetta non trasmette alcuna infezione (il rischio di contrarre infezioni dopo morso di zecca è del 5% circa) per cui di norma non è consigliato l’uso preventivo dell’antibiotico se non compaiono manifestazioni cliniche.
Ci sono due malattie trasmesse dalle zecche comuni in Europa:
Continua a leggere: Il morso di zecca e conseguenze…

Lo iodio non va in vacanza: parte la campagna estiva per un’alimentazione sana

iodio
In Italia sono circa sei milioni pari a oltre il 10% della popolazione totale, le persone che si ammalano di gozzo, una malattia legata alla carenza di iodio che determina un ingrossamento della tiroide. Tale carenza può inoltre provocare anche gravi deficit cognitivi e psicomotori soprattutto fra i giovanissimi ed il modo migliore per prevenire questi disturbi è una dieta che includa pesce di mare, crostacei e molluschi durante tutto l’anno, alimenti che invece vengono consumati di rado soprattutto nelle scuole.

Nell’ambito del Progetto italiano contro la carenza di iodio in pediatria è stata realizzata un’indagine su mille bambini delle scuole primarie e secondarie di I grado di 10 città italiane (Milano, Torino, Genova, Bologna, Pisa, Roma, Napoli, Potenza, Bari e Cagliari), chiedendo loro cosa sapessero dello iodio. I risultati hanno evidenziato che solo 1 su 5 sa che ce ne è molto nel pesce mentre molti sono convinti che sia presente nella carne e nelle verdure.
Continua a leggere: Lo iodio non va in vacanza: parte la campagna estiva per un’alimentazione sana…

L’influenza “estiva”

febbre

Nella classe di microba a fine giugno c’è stata un “epidemia” strana: febbrone della durata di un paio di giorni preceduto da stanchezza che talora si trascinava anche nei giorni successivi alla scomparsa della febbre. Microba è stata esentata ma un episodio simile le era capitato l’ultimo anno di nido: febbre fugace proprio il giorno della pizzata di fine anno. Per sdrammatizzare allora avevo dato la colpa alla troppa emozione per l’evento, adesso, interrogata seriamente di cosa si possa trattare, non ho saputo dare una risposta.
Che invece può essere data dai pediatri del Bambin Gesù: si tratterebbe di influenza estiva. Continua a leggere: L’influenza “estiva”…