Allarme bulimia già a 10 anni, soprattutto fra maschi

bulimia nei bambini

Ecco, ci risiamo con i problemi alimentari. Sembra di aver appena smesso di lottare con i nostri cuccioli durante lo svezzamento che già sono alle porta altri problemi.

I ricercatori della National Yang-Ming University di Taiwan hanno condotto uno studio, poi pubblicato online sul Journal of Clinical Nursing, su quasi 16.000 studenti sull’abitudine di provocarsi il vomito per perdere peso. Il problema è riconducibile alla bulimia e colpisce sempre più giovani e persino bambini, soprattutto maschi, di 10 anni. I risultati molto preoccupanti hanno spinto gli studiosi a mettere in guardia le famiglie: il vomito auto-indotto è il primo segnale che i bambini potrebbero sviluppare disturbi alimentari e gravi problemi psicologici.

Il 13% delle 8.673 ragazze e dei 7.043 ragazzi coinvolti nello studio ha ammesso di mettere in pratica questo comportamento per dimagrire. E la percentuale è più alta fra i più piccoli: il problema riguarda infatti il 16% dei 10-12enni e il 15% dei 13-15enni, mentre ‘solo’ l’8% dei 16-18enni. Inoltre, sembra interessi maggiormente i maschi rispetto alle femmine: soffre di questi problemi il 16% dei ragazzini contro il 10% delle bambine. Al fenomeno del vomito autoindotto sono state associate diverse cattive abitudini:

  • di mangiare cibi fritti o molti dolciumi
  • fare spuntini durante la notte
  • trascorrere parecchio tempo davanti ad un computer

Al contrario, i bambini che dormono più di otto ore durante la notte e fanno colazione al mattino sono meno a rischio. Il consiglio preventivo degli esperti è quindi fare in modo che i bimbi dormano abbastanza, facciano una sana colazione ogni giorno, mangino meno cibi fritti e trascorrano meno tempo davanti al pc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *