Farmaci e esposizione al sole: un binomio da non sottovalutare

 

images (1)

Da pneumologa prescrivo spesso il cortisone nelle forme bronchiali severe, con grande rammarico delle mie pazienti soprattutto nel periodo estivo in cui hanno intenzione di esporsi al sole. È noto ormai a tutti che molti farmaci, fra cui appunto il cortisone, possono interagire con il sole e dar luogo a reazioni visibili sulla pelle. Le reazioni di fotosensibilizzazione in genere avvengono a livello cutaneo nelle zone fotoesposte  e si presentano come eritemi, edemi, arrossamenti con possibile comparsa di vesciche, orticaria e prurito a livello di viso, collo, mani e avambracci, ma, in alcuni casi, anche a livello di altre parti del corpo, anche se coperte dai vestiti.
Se l’eruzione è diffusa a diverse zone del corpo è molto probabile che sia causata da sostanze fotosensibili assunte per bocca ovvero farmaci fotosensibili. Se invece, l’eruzione è localizzata, si tratta presumibilmente di una reazione di un fotosensibilizzante per uso topico.


Anche se le manifestazioni cutanee della dermatite fotoallergica e fototossica possono essere sovrapponibili, si tratta di due differenti reazioni cutanee. Nel caso della dermatite fototossica i farmaci fotosensibilizzanti sono responsabili della fotosensibilità generando direttamente radicali liberi e mediatori dell’infiammazione e causano un danno ai tessuti che si manifesta con dolore ed eritema (simile a scottature solari).  La fotoallergia invece, è una risposta immunitaria cellulo-mediata. L’assorbimento della luce solare provoca dei cambiamenti strutturali del farmaco, permettendo che questi si leghi alle proteine tissutali, formando un complesso allergenico. È necessaria una precedente esposizione all’allergene. Perchè si sviluppino queste sostanze tossiche possono essere necessarie pochi minuti fino ad un massimo di 72 ore.
Non sempre è possibile distinguere chiaramente se una reazione è di tipo fototossico o fotoallergico e uno stesso farmaco essere responsabile di entrambe le reazioni. 
Per evitare che si manifestino le reazioni di fotosensibilità sarebbe indispensabile non esporsi alla luce solare diretta (anche quando il cielo è velato), durante il trattamento, oppure sostituire il farmaco con uno non fotosensibilizzante. Se ciò non fosse possibile, occorre indossare abiti molto coprenti e cappelli a tese larghe, utilizzare creme con alti  filtri protettivi solari, indossare occhiali da sole con filtri per UV. Infine, se il farmaco è in una formulazione topica occorre lavarsi accuratamente e in maniera prolungata le mani dopo ogni uso.
Farmaci e reazioni:
Antibiotici:  sulfamidici,  chinolonici,  cicline o amoxicillina possono essere responsabili di orticaria, irritazioni e macchie rosse a causa  della loro assunzione  nei periodi di esposizione al sole. Se durante l’estate si segue un trattamento antibiotico, il consiglio migliore  è quello di starsene un po’ di più all’ombra.
FANS: diversi farmaci anti infiammatori non steroidei possono innescare un processo di fotosensibilizzazione. In particolare va evitata l’esposizione al sole se si stanno assumendo farmaci contenenti ketoprofene (soprattutto cerotti). L’interazione sole-ketoprofene  può causare dermatiti anche molto forti, a cui possono seguire eczemi o lesioni della cute. 
Farmaci per l’ipertensione arteriosa e malattie cardiovascolari: oltre alla fotosensibilizzazione, il caldo può provocare un abbassamento di pressione ma modifiche della terapia devono essere effettuate solo sotto stretto controllo medico
Cortisone anche questi medicinali possono dar luogo a  fenomeni di fotosensibilizzazione.
Creme o gel:  non solo le creme cortisoniche ma in generale tutti i farmaci in formulazione crema o gel, anche se possono apparire innocue, vanno utilizzate verificando con attenzione possibili interazioni con l’esposizione al sole. In particolare,  bisogna fare molta attenzione ad utilizzare creme o gel non adatte all’uso oftalmico vicino agli occhi: la sudorazione dovuta all’esposizione solare potrebbe farle entrare in contatto con gli occhi causando forti irritazioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *