Il sole e i bambini

Sole bambiniDelle avvertenze da tenere quando si espongono i bambini al sole avevo già parlato lo scorso anno, ma un ripasso è d’obbligo nella speranza che l’estate arrivi veramente (nel momento in cui ho scritto era in corso un bel temporale e il termometro segnava 16°C, sigh sigh…).

La pelle di un bambino e’ molto diversa da quella di un adulto, più morbida, ma anche più sensibile e vulnerabile; la melanina non e’ completamente presente alla nascita e ci vogliono anni prima che lo sviluppo della protezione si completi quindi nel frattempo, le scottature sono più facili.

E una brutta scottatura non è solo una questione di eritema ma può causare disidratazione, febbre, e nei casi più severi portare a shock.

Alcune indicazioni prima di esporre al sole i più piccoli

  • I solari non dovrebbero essere applicati su bambini di età inferiore a  6 mesi:  i lattanti e i bambini piccoli dovrebbero essere tenuti al riparo dal sole quanto piu’  possibile durante il primo anno di vita. Per i neonati, una carrozzina con una tettoia e’ preferibile a un passeggino aperto, mentre per i bambini piu’ grandi è meglio usare un passeggino con tettoia o con un ombrellino. Nel caso di bambini più grandi bisogna evitare le ore più calde: dalle 12 alle 15 è bene che stiano a casa.
  • Esporli in modo graduale e progressivo. L’abbronzatura cioè la produzione di melanina che protegge la cute dai raggi ultravioletti ha bisogno di tempo per diventare efficace. Sarebbero quindi da evitare le esposizioni lunghe e saltuarie tipo nei week end.
  • Prima di utilizzare un nuovo prodotto su un bambini provarne una piccola quantità sulla parte interna del polso per verificare eventuale comparsa di esantema o irritazioni.  Spalmare il prodotto su tutto il corpo  in modo uniforme non dimenticando le orecchie, il naso e le labbra, e la zona intorno agli occhi. Evitare il contatto con gli occhi e con le palpebre.
  • I solari vanno applicati prima di uscire di casa e riapplicare ogni due ore, piu’ spesso se il bambino gioca in acqua o suda molto.
  • Sarebbe utile l’uso di stick protettivi sulle labbra.
  • Prestate attenzione  alle luci riflesse; molte superfici – sabbia, cemento, neve – possono riflettere radiazioni nocive. Anche il sedersi all’ombra o sotto l’ombrellone non garantisce protezione. Anche durante le giornate nuvolose, inoltre sono indispensabili le adeguate precauzioni in quanto fino all’80% delle radiazioni solari raggiungono la terra.
  • Idratare bene la pelle del bambino, dopo la giornata passata al sole o sulla spiaggia, utilizzando prodotti che svolgano un’azione emolliente. Non bisogna dimenticare, infatti, che la cute deve sopportare, oltre all’esposizione solare, anche l’azione “abrasiva” data dalla sabbia. Attenzione anche al lavaggio: dopo una giornata passata in spiaggia, la pelle va pulita preferibilmente con una doccia (o un bagnetto, purchè sia veloce, in modo da evitare l’effetto ‘macerante’ di una prolungata immersione).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *