La scelta del baby make up

images (2)

I tempi cambiano, e nello scriverlo mi sento mia nonna. Quando ero ragazzina mia mamma a lungo mi vietò il trucco, poi iniziai a “fregarla” con le creme colorate per i brufoli, ma di mascara e rossetti a lungo non se ne parlò. Adesso già all’asilo le bambine ricevono in regalo i trucchi giocattolo, usano lo smalto delle mamme e alle medie grazie anche ai tutorial che si trovano online, sono perfettamente in grado di stendere fondotinta e applicare ombretti e mascara e di conseguenza ne chiedono l’acquisto. Il fenomeno del baby make up è talmente in crescita che fra le ragazzine dagli 8 ai 12 anni si è registrato un aumento del 16.7% di dermatiti da contatto proprio dovuta ai cosmetici.
Che fare allora? Vietarne l’uso? No. Sarebbe  inutile e controproducente, molto meglio insegnare alle figlie a prendersi cura della propria pelle e spiegare di non scambiarsi fra amiche rossetti e pennelli per evitare contaminazioni batteriche e virali.

Bisogna poi suggerire di non fare acquisti su bancarelle dove i prodotti sono di dubbia provenienza ma in erboristerie, profumerie o supermercati con cosmetici naturali controllando sempre sull’etichetta che i prodotti non contengano petrolati, paraffine, parabeni, nichel e siliconi. E tra i componenti più indicati troviamo nei fondotinta idrolato di salvia, glicerina vegetale, olio di jojoba e di argan, di sesamo e acqua di rosa; le matite degli occhi devono essere realizzate con pigmenti naturali cere ed oli vegetali mentre il mascara cere vegetali e idrolato di bambù. Infine i rossetti devono contenere cera d’api, burro di karatè e oli di albicocca, argan e rosa canina.

Comments

  1. says

    A me questa cosa dei ragazzini truccati mette ansia: qualche anno fa ero a casa di mia cognata, c’ era un’ amichetta di mia nipote di dodici anni (piena estate) che dichiarò di non poter uscire perchè non aveva il fondotinta. Volevo morire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *