L’influenza “estiva”

febbre

Nella classe di microba a fine giugno c’è stata un “epidemia” strana: febbrone della durata di un paio di giorni preceduto da stanchezza che talora si trascinava anche nei giorni successivi alla scomparsa della febbre. Microba è stata esentata ma un episodio simile le era capitato l’ultimo anno di nido: febbre fugace proprio il giorno della pizzata di fine anno. Per sdrammatizzare allora avevo dato la colpa alla troppa emozione per l’evento, adesso, interrogata seriamente di cosa si possa trattare, non ho saputo dare una risposta.
Che invece può essere data dai pediatri del Bambin Gesù: si tratterebbe di influenza estiva.

Le sindromi influenzali estive, sia batteriche che virali, sono caratterizzate da inappetenza, spossatezza e tosse secca oltre a qualche linea di febbre (per mia esperienza anche un po’ più di qualche linea).  Altri sintomi come  mal di gola e raffreddore sono presenti in forme più blande o assenti
Primo responsabile sarebbe un utilizzo scorretto dell’aria condizionata, soprattutto quando vi sono  sbalzi di temperatura, ma anche il fumo passivo perché indebolisce il sistema immunitario generale e locale e ostacola il sistema di depurazione dell’aria attraverso naso trachea e bronchi e la mancata idratazione. Virus e batteri non sono tipici in questa stagione ma ci si ammala d’estate se le mucose sono indebolite perché più secche. L’aria condizionata, quando è ben gestita, non da problemi. Ma il flusso freddo diretto e l’eccessiva deumidificazione producono una reazione naturale delle mucose che si seccano, diventando più infiammabili e più sensibili agli attacchi dei batteri. è indispensabile quindi bere molto contro laringiti e faringiti, anche se si sta al chiuso in ambienti con aria refrigerata, perché in queste condizioni si perdono liquidi pur se non si suda.
Infine è importante non trascurare queste sindromi apparentemente banali perché possono comunque avere complicanze gravi e degenerare nelle cosiddette ‘polmoniti coperte’, ovvero con sintomatologia attenuata

Comments

  1. mamma avvocato says

    Capisco cosa intendi…io lo scorso anno a luglio ho trascurato i sintomi e mi sono beccata una bronchite e regolarmente d’estate mi viene raffreddore e mal di gola, anche se senza febbre.
    Non uso aria condizionata ma spesso sto con finestre e finestrini sempre aperti e poi l’allergia stagionale indebolisce..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *