Lavarsi le mani riduce del 40% il rischio di infezioni

 Lavarsi le maniMicroba è al 2° anno di nido, è una bella esperienza e soprattutto uno stimolo di crescita diverso rispetto allo stare a casa. Chiaramente, come in tutte le cose ci sono i pro e i contro anche se molti pediatri addirittura sconsigliano la frequenza per il rischio più elevato di contrarre malattie. Io, a parte l’essere fatalista, ritengo che il numero di infezioni è molto soggettivo: ci sono bimbi che frequentano il nido fin da piccolissimi e si ammalano poco, altri che pur non frequentando comunità, sono sempre ammalati. Ma i genitori possono fare qualcosa per tentare di prevenire le infezioni? Si, lavare spesso e bene le mani dei nostri bambini!

L’acqua e il sapone sono la prima arma i difesa contro virus e batteri. La maggior parte di questi si trasmette per via aerea, tramite le goccioline di saliva infetta e le mani che toccano altre mani e molti oggetti sono un notevole veicolo di diffusione.

Come lavarsi le mani?
Almeno un minuto sotto l’acqua corrente, calda o fredda, usando con cura il sapone preferendo quelli liquidi che non permettono il contatto con altri

Quando lavarsi le mani?
Prima e dopo essere andati in bagno, prima di mangiare, dopo aver toccato un oggetto potenzialmente contaminato, quando si va in palestra o sui mezzi pubblici.

Ma lavarsi regolarmente e bene le mani non sembrerebbe essere sufficiente: il non asciugarsi correttamente le mani potrebbe annullare il beneficio dell’essersele lavate perché l’umidità può favorire la moltiplicazione dei microrganismi, rilanciando le possibilità di contagio. Osservando  con attenzione queste precauzioni si potrebbe avere la diminuzione del 40% delle infezioni intestinali e del 23% di quelle respiratorie.

Comments

  1. Lorenzo says

    Articolo interessante. A tal proposito noi, come farmacia, abbiamo realizzato un video sul modo corretto di lavarsi le mani secondo le linee guida del WHO.
    Vi invito a dargli un’ occhiata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *