I bambini e la lettura

libri e bambiniA casa nostra non c’è mai stato il rito della lettura serale. Supernano è sempre stato un nottambulo per cui non c’era spazio anche per leggere quando dopo numerose urla riuscivo a metterlo a letto. Microba invece pretende che canti prima della nanna. Ho provato a leggere in altre occasioni con poco successo e solo con microba che ama molto sfogliare da sola i libri e raccontarsi delle storie. Leggere con un bambino vuol dire contribuire in modo determinante alla crescita delle sue capacità cognitive e relazionali.

Leggere con un bambino e’ importante per moltissimi motivi:

  • fin da prima di nascere è in grado ed è contento di ascoltare la voce umana, sia che questa gli parli, gli canti, gli racconti o gli legga una storia
  • leggere e raccontare a un bambino significa creare con lui un intenso e speciale  rapporto di intimità; inoltre  condividendo libri e storie l’adulto cresce insieme al bambino
  • attraverso il libro si migliora il tempo di attenzione del bambino,  si crea l’abitudine all’ascolto, si sviluppa la sua capacità immaginativa
  • nei primi anni di vita le capacità di apprendimento linguistico del bambino sono molto elevate, ma lo sviluppo del linguaggio è tanto più ricco quanto più numerose e varie sono le occasioni di scambio verbale che gli sono offerte
  • Attraverso il libro il bambino è invogliato a ripetere le parole che ascolta, a memorizzarle e a farle entrare nel suo lessico abituale
  • attraverso le storie il bambino impara a creare collegamenti tra il proprio vissuto e gli avvenimenti raccontati
  • il rapporto quotidiano con il libro, la familiarità con la lettura costituiscono la premessa ideale per la lettura individuale quando sarà grande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *