Bambini e smartphone: l’uso prima dei 2 anni

tablet

Ultimamente ho partecipato a diverse conferenze sull’uso della tecnologia da parte dei nostri figli; se ne è parlato anche all’evento mammacheblog, ho comprato il libro “generazione tablet” e con papàchef abbiamo regalato a supernano il primo tablet per il compleanno. 9 anni. Abbiamo a lungo riflettuto sulla scelta non essendo convintissimi, ma a parte assecondare un grande desiderio, abbiamo cercato di insegnare a nostro figlio anche di farne un uso didattico. Non solo la app di youtube o clash of clans, ma anche wikipedia o google.
Nonostante abbia un blog da ormai 5 anni io mi sento una tardiva digitale: basti pensare che quando ho comprato il primo smartphone e mi hanno parlato di wapp, sono caduta dal pero, per convertirmi alla macchina fotografica digitale papàchef ha dovuto aspettare la nascita di supernano e comprare di nascosto il primo navigatore satellitare. Lui si che è un tecnologo.

I miei figli invece sono dei veri nativi digitali. Touch, app, pin, password, sono il loro pane quotidiano. A volte troppo. Aggiungerei. E sono in buona/cattiva compagnia.
E forse lo studio condotto negli USA è superfluo.  Studio presentato al convegno annuale delle Pediatric Academic Societies, organizzato a San Diego dove i ricercatori dell’Einstein Medical Center di Filadelfia hanno illustrato i dati sull’uso di smartphone e tablet da parte di bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 4 anni. I genitori dei piccoli hanno compilato un questionario di 20 domande da cui è emerso che il 97% di loro ha un televisore, l’83% possiede un tablet, il 77% uno smartphone e il 59% un acceso a Internet, ma ciò che ha sorpreso gli autori è stato l’apprendere  che i bambini utilizzano questi apparecchi già a partire dai 6 mesi di età. È emerso infatti che già nel primo anno di vita il 36% dei bambini ha provato ad utilizzare un touch screen e il 24% a parlare al telefono, mentre prima di compiere 1 anno il 15% dei bambini ha anche già utilizzato una app, mentre il 12% si è già cimentato in un videogioco e questo in alcuni casi anche per 30 minuti. Con  il passare dei mesi poi, il tempo speso dai bambini ad usare apparecchi tecnologici aumenta, tanto che il 26% dei piccoli di 2 anni e il 38% di quelli di 4 anni li utilizza almeno un’ora al giorno. Il motivo di questo uso smodato è facile da intuire: gli apparecchi tecnologici fungono da “baby sitter” quando i genitori in faccende domestiche o commissioni e da “camomilla” per i piccoli irrequieti o in situazioni “sociali” (vedi al ristorante). Pochi genitori si sono però mostrati interessati di capire se questa abitudine fosse giusta: secondo l’American Academy of Pediatric è meglio evitare di intrattenere i bambini con televisione, computer e smartphone almeno fino ai 2 anni di età.

Comments

  1. says

    Secondo me oggi i bambini giocano troppo con tutti questi smartphone, tablets, etc. invece di giocare fuori nella natura come una volta…i smartphone limitano la creatività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *