A proposito di figli unici…

Figli unici

Quando ormai quasi 2 anni fa Papà Chef ed io abbiamo iniziato a valutare se dare o meno un fratellino o sorellina a Supernano, io ero molto dubbiosa. Ero convinta che Supernano sarebbe stato privato di qualcosa. In realtà tutti quelli a cui esponevo i miei dubbi mi dicevano il contrario: non lo privi di niente, anzi gli regali un “compagno” per la vita. E così, prontamente convinta, è arrivata microba. Ora posso dire che Supernano è molto felice della sua sorellina e forse è microba, sotto un certo aspetto, ad avere qualcosa di meno rispetto al fratello. Ma lei al momento è contenta così: è una bimba molto solare in adorazione di Supernano e della tribù di maschiacci che lo circondano. Ma questa è un’altra storia.

A proposito di figli unici ho letto una notizia di una ricerca dell’ Economic Social Research Council pubblicata dal Time, secondo la quale “essere figli unici è bello e fa bene”. Sono rimasta perplessa. Nonostante i miei precedenti timori sul secondo figlio.

Secondo la ricerca il 54% dei figli non unici si lamenta per angherie, anche pesanti, da parte di fratelli e sorelle; sono inoltre scontenti per motivi che vanno dalla suddivisione o la condivisione degli spazi, alla competizione alla gelosia. Inoltre l’attenzione da parte dei genitori deve essere ripartita. Sembra che quindi lo stato di insoddisfazione sia alto e che quindi stia meglio e sia più felice chi è figlio unico. I figli unici appaiono aperti, estroversi, sicuri di sé, subito pronti a socializzare. Sembra in definitiva che abbiano una marcia in più. E anche fare il genitore sembra essere più facile con un bambino solo, soprattutto quando il tempo non basta mai.

Ma come? Non ci hanno sempre detto gli psicologi che il figlio unico corre il rischio di diventare un piccolo despota? Che con genitori e parenti che nell’ambiente famigliare gli concedono tutto, una volta fuori potrebbe incontrare frustrazioni confrontandosi con realtà meno “amichevoli”? Che le aspettative dei genitori potrebbero diventare un macigno, tanto da poterlo portare a sentirsi inadeguato, perché non suddivise?

C’è ampio margine di discussione…

Comments

  1. says

    The kind of services deals transcribing general hospital dentistry, subspecialties of dental medicine, orthodontics, oral pathology,
    endodontics, periodontics, prosthodontics, dental pharmacology as well as radiography.
    Dental emergencies courses are basic life support, legal and
    ethical aspects of the dental hygiene practice, and supervised instruction in pre-clinical and clinical practice.
    It is also used as an eye drop to dilate the pupil in order to
    arrange the visualization.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *