Uso di cocaina e aumentato rischio di infarto

Cocaina e rischio infartoQuando ho iniziato a lavorare in pronto soccorso tanti, ma non tantissimi, anni fa, nel caso si fosse presentato un ventenne con un dolore toracico il protocollo non prevedeva certamente accertamenti cardiologici approfonditi. Di fronte ad un elettrocardiogramma negativo il ragazzo veniva “rispedito” tranquillamente a casa. Da un po’ di tempo a questa parte invece anche al quindicenne vengono fatti gli accertamenti che un tempo toccavano solo agli ultra quarantenni. E in un periodo di spending review non si fanno certo per sperperare. Gli esami si sono resi necessari  perché c’è stato un aumento di casi di infarto fra i più giovani causa uso di cocaina che si è pertanto  guadagnata il titolo “droga da infarto“.

La mia piccola esperienza ha trovato conferma in uno studio presentato al convegno dell’American Heart Association 2012 a Los Angeles. In persone che fanno uso regolare di cocaina sono state trovate arterie più rigide, pressione sanguigna più alta e parete del muscolo cardiaco più spessa rispetto ai non utilizzatori: tutti fattori che aumento il rischio di un’ischemia cardiaca. Attraverso una risonanza magnetica si è visto infatti che i consumatori di cocaina avevano dal 30% al 35% di aumento dell’irrigidimento dell’aorta; 8 mm Hg in più di pressione sistolica e il ventricolo sinistro più spesso del 18%.

Oltre ad essere triste il riscontro di casi di infarto fra persone giovani e in forma, che ignorano le conseguenze per la salute  legate al consumo di cocaina è ancor più preoccupante il fatto che gli stessi spesso neghino l’assunzione di sostanze stupefacenti e pertanto rendono difficile ai medici la formulazione di una valida diagnosi.

Comments

  1. says

    on I hope you never stop! This is one of the best blogs Ive ever read. Youve got some mad skill here, man. I just hope that you dont lose your style because youre defelitiny one of the coolest bloggers out there. Please keep it up because the internet needs someone like you spreading the word.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *