Lo sport giusto da piccoli per prevenire malattie da grandi

sport

Fine delle vacanze e tempo di buoni propositi; alzi la mano chi fra questi ha inserito il progetto di iniziare un’attività sportiva o praticarne in maniera costante una già iniziata in passato. Io, lo ammetto, parto sempre con mille buone intenzioni ma poi mi perdo per strada.
Ma non dobbiamo dimenticare che noi siamo un esempio per i nostri figli e che praticare fin dai primi anni di vita giochi o attività sportive, di squadra o individuali, può aiutare anche a prevenire condizioni croniche da adulti. Ho scritto diversi post sull’argomento (potete leggere qui, qui e qui) perché credo che lo sport sia fondamentale nella vita di un bambino: oltre alla prevenzione di malattie future o dell’obesità, aiuta a “scaricare”, a stare in gruppo, a coordinare i movimenti, ad avere una percezione del sé nell’ambiente esterno. Non dimentichiamoci inoltre che per un bambino cittadino soprattutto nei mesi invernali è un modo per conoscere e frequentare altri bambini e stare lontano da TV, PC, videogiochi etc.

Comments

  1. says

    Condivido pienamente!Anch’io sono del parere che lo sport è importante ed è meglio iniziare da piccoli. Io ho una bimba di 2 anni, e anche se è ancora piccola prossimamente mi informerò per il nuoto, anche se magari organizzano corsi adatti ai bimbi piccini. Credo che il nuoto sia tra gli sport più completi soprattutto se devono iniziare da piccoli.

  2. says

    Parole sacrosante! Lo sport – qualsiasi sport! – è un toccasana per i bambini, non soltanto perchè permette loro di svilupparsi in modo sano dal punto di vista fisico, ma anche perchè li porta al confronto con i coetanei ed offre loro una valvola di sfogo dell’energia più che salutare.
    Le arti marziali sono a volte guardate con sospetto dai genitori, ma si tratta di un’attività fisica (e intellettiva) estremamente completa ed adattissima anche ai bambini piccoli.

  3. Mamma Medico says

    @marta, in molte piscine i corsi partono dai 3 mesi d’età. il problema è che fino ai 3 anni (o poco meno, dipende dai bambini e se è contemplato il corso di “distaccamento”) un adulto deve entrare in acqua con il piccolo
    @viviana, se mio figlio non facesse tanto sport, che adora, in inverno ci spareremmo…

Trackbacks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *