Il sole e i bambini

Sole bambiniDelle avvertenze da tenere quando si espongono i bambini al sole avevo già parlato lo scorso anno, ma un ripasso è d’obbligo nella speranza che l’estate arrivi veramente (nel momento in cui ho scritto era in corso un bel temporale e il termometro segnava 16°C, sigh sigh…).

La pelle di un bambino e’ molto diversa da quella di un adulto, più morbida, ma anche più sensibile e vulnerabile; la melanina non e’ completamente presente alla nascita e ci vogliono anni prima che lo sviluppo della protezione si completi quindi nel frattempo, le scottature sono più facili.

Continua a leggere: Il sole e i bambini…

Occhiali da sole per bambini

occhiali da sole bambiniFinalmente è arrivato il sole, non ne potevo proprio più di acqua e grigiore!

E con il sole la fatidica domanda: devo mettere gli occhiali al mio bambino? Ed eventualmente a che età?

Premesso che non è facile in generale applicare il presidio ad un piccolino, il grado di tenuta degli occhiali in genere è direttamente proporzionale al fastidio che il bambino ha all’esposizione alla luce. Ricordo che Supernano fra i 2-3 anni non ne usciva mai senza ed erano pianti e urla se per caso li si dimenticava a casa. Io lo capivo perché anche in inverno spesso  mi da fastidio l’eccessiva luce e non sto mai senza le lenti scure. È un ‘esigenza, non un capriccio come qualcuno crede…

Continua a leggere: Occhiali da sole per bambini…

Le 7 regole d’oro dei pediatri per affrontare l’estate in sicurezza con i nostri bambini

bambini in sicurezza in estate

L’estate è la stagione più amata dai bambini ma anche più a rischio di piccoli problemi legati proprio al maggior tempo passato fuori casa. Per questo la Federazione pediatri italiani ha messo a punto alcuni consigli, sette regole d’oro per affrontare in sicurezza la bella stagione.

1) Sole in sicurezza: proteggere i bambini dall’esposizione ai raggi solari utilizzando creme con fattore di protezione superiore a 15 SPF. La crema deve essere applicata almeno ogni due ore, soprattutto se il bambino suda molto. Inoltre l’esposizione deve essere evitata tra le 12 e le 16.

2) Prima di fare giocare i bambini all’aperto quando fa più caldo assicurare un’adeguata idratazione con acqua e se l’attività fisica si prolunga oltre un’ora, è opportuno somministrare bevande contenenti zuccheri e sali minerali.

Continua a leggere: Le 7 regole d’oro dei pediatri per affrontare l’estate in sicurezza con i nostri bambini…

Sole e bambini: come comportarsi e come scegliere la giusta protezione

Sole e bambini: come comportarsi e come scegliere la giusta protezione

I miei bimbi, fortuna loro, hanno una bella pelle, al primo sole tende a scurirsi senza particolari rossori o eritemi. Tutto il contrario dei loro genitori. Per questo motivo nei giorni scorsi microba ha ricevuto i complimenti per il suo visino dorato. Anche da parte della mia super amica pediatra, la quale, giustamente non ha omesso di chiedermi se le avevo applicato la protezione solare. Io sono un po’ caduta dalle nuvole. Microba non è stata esposta direttamente al sole e il suo colore è dovuto alle ore trascorse al parco, sempre nel tardo pomeriggio. Ma lei ha insistito “devi comunque proteggerla”. Obbedisco!

Ma qual è il comportamento da tenere nei confronti del sole? La pelle dei piccoli è delicatissima e le ustioni solari, durante l’infanzia, possono esporre a un maggior rischio di tumori cutanei in età adulta.

Ma quali sono le principali regole da seguire?

Continua a leggere: Sole e bambini: come comportarsi e come scegliere la giusta protezione…

I bambini e la sicurezza in casa

Sicurezza in casa per i bambini

Tacciatemi di superficialità, ma non avevo mai preso più di tanto in considerazione il problema della sicurezza in casa. Non per lodare Supernano, ma non ha mai avuto velleità di acrobata sul davanzale della finestra e a mia memoria dopo il primo secco “NO”, non ha più toccato le prese elettriche, i fili della corrente o i detersivi. Microba è una “simpatica canaglia”. Sa cosa deve o non deve fare, ma colta sul fatto ti guarda e ride. Con il suo sorriso disarmante. Nel suo caso “PREVENIRE è MEGLIO CHE CURARE”, pertanto nell’immediato futuro devo prendere provvedimenti per la sicurezza della casa.

Da una recente indagine ISTAT è emerso che in Italia ogni anno gli incidenti domestici coinvolgono più di 3 milioni di persone. Circa 68.000 sono bambini. Molti di questi incidenti potrebbero essere evitati, se venissero seguite alcune regole base.

Continua a leggere: I bambini e la sicurezza in casa…