Lo streptococco beta emolitico del gruppo B

download11

Ho parlato in generale di streptococco, ora entriamo nello specifico di una delle due forme più comuni e severe: lo streptococco beta emolitico del gruppo B.
Lo streptococco b emolitico di gruppo B (o SBEGB), noto come Streptococcus agalactiae, popola abitualmente la normale flora gastrointestinale di molti soggetti, ma talora può diffondere in alcune sedi anatomiche secondarie. Si stima che il batterio si comporti da commensale sia nell’uretra maschile che nella mucosa genitale femminile e la trasmissione avviene mediante rapporto sessuale non protetto. Si stima che il 15% di donne adulte, peraltro sane, ha questo batterio nel basso tratto vaginale e/o nell’intestino
La forma più grave di contagio delle infezioni  da parte dello Streptococcus agalactiae è quella tra madre-neonato in gravidanza: infatti al neonato può essere trasmessa l’infezione proprio al momento del parto. Per fortuna solo 3 bambini su 1.000 nati da donne portatrici sane sviluppano segni di malattia che si verifica quando il batterio riesce ad entrare nel circolo sanguigno del neonato (ossia quando si realizza una sepsi) con conseguenze molto gravi: shock, polmonite o meningite.

Continua a leggere: Lo streptococco beta emolitico del gruppo B…

Arriva il bebè. Cosa mettere nella valigia per l’ospedale

valigia

 

Non sono certo la persona adatta a dare consigli sulla valigia per l’ospedale quando si va a partorire, sia perché con supernano ho preparato le ultime cose proprio pochi secondi prima di uscire, fra una contrazione e l’altra, sia perché ormai i miei ricordi dell’ultimo parto risalgono a oltre 5 anni fa. Non che nel frattempo sia cambiato molto, i neonati si vestono sempre nello stesso modo e anche alla mamma servono le stesse cose.
In genere, durante i corsi preparto, alle gestanti viene fornita una lista di elementi, oggetti e indumenti utili per il ricovero in ospedale, sia per il bebè sia per la futura mamma. Questa lista è variabile a seconda della struttura: per esempio in alcuni ospedali i pannolini sono forniti dall’ospedale stesso, in altri no.  Per una corretta organizzazione, si consiglia di cominciare i preparativi almeno a partire dal settimo mese di gravidanza, e di prediligere un borsone morbido, più adatto agli spazi degli armadi di un ospedale.
Ma cosa mettere in valigia? È bene preparare una lista distinta per la mamma e per il bebè.

Continua a leggere: Arriva il bebè. Cosa mettere nella valigia per l’ospedale…

Preparazione al travaglio: massaggi per ridurre il dolore

Preparazione al travaglioLa notizia è di quelle che ormai non mi riguarda più, ma devo ammettere che se l’avessi letta ai tempi un tentativo magari l’avrei fatto. Secondo uno studio dell’università di Teheran il massaggio può costituire un trattamento alternativo efficace per ridurre dolore e ansia durante il travaglio. La ricerca è stata svolta su 120 future mamme al loro primo parto divise in 3 gruppi; le donne del  primo gruppo sono state sottoposte ad un programma di massaggi, le donne del secondo gruppo  hanno avuto il supporto continuativo di un assistente, mentre le mamme del terzo gruppo costituivano il controllo. I massaggi, della durata di circa mezz’ora, sono stati effettuati nella fase latente (dilatazione cervicale di 3-4 cm), nella fase attiva (5-7 cm) e nella fase di decelerazione (8-10 cm).

Continua a leggere: Preparazione al travaglio: massaggi per ridurre il dolore…