Liebster Award: un premio per me!

PREMIO-BLOOG

Grazie Wondernonna per il premio!
Colgo  l’occasione per ringraziarti per il blog e quello che scrivi. È molto utile avere un parere “dall’altra parte” soprattutto per chi come me ha ancora irrisolti qualche conflitto madre-figlia, inevitabilmente maggiormente evidenziato nella triade madre/nonna-figlia-nipoti.
Ma torniamo al Liebster Award: discover new blog,  queste le regole per partecipare sono queste:
 – pubblicare sul blog il logo del Liebster Award
 – ringraziare e seguire il blogger che mi ha nominat
 – rispondere alle sue 11 domande
 – nominare 11 blogger con meno di 200 followers
 – formulare 11 domande ai candidati
 – informare i blogger scelti della nomination
Ecco, sul rispondere alle domande è abbastanza facile, trovare altri 11 blog un po’ meno perché avendo poco tempo a disposizione ne seguo pochi in modo continuativo, e tantissimi altri in maniera discontinua. Ci proviamo

1) A che età sei diventata mamma?
Anagraficamente 32, ma ne avrei compiuto 33 dopo meno di un mese
2) Da bambina, ti immaginavi mamma?
Da bambina forse, crescendo un po’ meno, quando ho conosciuto papàchef (mio marito) era l’ultimo dei nostri pensieri
3) Nel tempo libero, ammesso che ci sia, che cosa ti piace fare?
Tempo libero? Questo sconosciuto… mi sono iscritta in palestra.
4) Qual è il gioco preferito da fare insieme a tuo figlio/a?
Con mia figlia ogni volta che va in bagno (eh eh…)  giochiamo al gioco del “ci piace” e “delle cose belle” che diciamo a turno. Il grande mi sfida a dama perché ormai con gli sport non ci prova più…
5) Il tuo partner/marito è in grado di sostituirti, con i figli? Assolutamente si. Alla nascita di supernano lo obbligai da subito a cambiare i pannolini e nel tempo si è dovuto adattare a tutto, anche a fare code e codini. Però la sacchetta dell’asilo e i vestiti del mattino devono essere preparati da me la sera prima…
6) Qual è il primo regalo che hai fatto a tuo figlio? Sono passati 10 anni, non me lo ricordo proprio.
7) Qual è il tuo concetto di vacanza con i figli? Ho diversi concetti di vacanza: c’è quella estiva di puro relax da qualche anno abbastanza fattibile e poi c’è la vacanza che appena possiamo ci prendiamo durante l’anno. Non ho preclusioni di posto e ovunque la voglia e le finanze hanno permesso siamo andati. Una su tutte a New York con microba di un anno
8) Ti trasferiresti all’estero? No. Sono troppo abitudinaria e casalinga anche per pensare di trasferirmi da Milano
9) Quale libro ti ha cambiato la vita o ti ha aperto nuovi orizzonti? Non riesco a leggere tantissimo. E se lo faccio leggo romanzi “leggeri” tipo quelli della Kinsella o qualcosa su argomenti psicologici e/o pedagogici. Utilissimi i libri di Pellai
10) Se potessi scegliere, affideresti i tuoi figli ai nonni o alla baby sitter? O che bella domanda chiesta proprio da una nonna… ho affidato la mia bimba a mia mamma a 2 settimane di vita. A quell’età non l’avrei messa nelle mani di nessun altro.  Tenne entrambi i miei bambini fino all’ingresso al nido a un anno e mezzo. I nonni sono ancora presenti per qualche pomeriggio, ma mi accorgo che nonostante siano ancora giovani iniziano ad essere stanchi anche perché anche il numero dei nipoti nel tempo è aumentato. Mia mamma stessa che quando ai tempi presi una persona per alleviarla era contrarissima, ora, per quanto in parte dispiaciuta, è  tutto sommato sollevata quando chiamo la baby sitter.
11) Cosa pensi del futuro?
Io sono sempre molto positiva per cui anche pensando al futuro sono ottimista anche su apparentemente “tutto è contro” questo mio pensiero. Certo è che non stiamo costruendo un bel mondo per i nostri figli…
E ora tocca a me trovare altri 11 blog, ci provo.

http://duefigli.blogspot.it/
http://dolcezzedimamma.blogspot.it/
http://trasparelena.blogspot.it/
http://ahsonounamamma.blogspot.it/
http://www.mammain3d.com/
http://www.thepocketmama.com/
http://unamammettapasticciona.blogspot.it/
http://www.mammachevita.it/
http://giornopergiornopiccolalory.blogspot.it/
https://mammasfigata.com/
http://www.mammaincitta.it/

Ed  ecco le domande:
1) che tipo di mamma sei?
2) a che età sei diventata mamma e quanti figli hai?
3) il tuo partner è presente nella gestione famigliare (e non intendo solo il minimo sindacale tipo accompagnamento a scuola)
4) come è cambiato il vostro rapporto dopo l’arrivo dei figli?
5) come è cambiato il rapporto con te stessa, dopo l’arrivo dei figli?
6) cosa ami di più in tuo figlio/a?
7) e cosa al contrario proprio non tolleri in tuo figlio/a?
8) dove abiti e dove vorresti abitare?
9) Quali sono i libri preferiti da tuo figlio? E quello che preferisci leggergli tu?
10) ti piace cucinare? Qual è il piatto che ti riesce meglio?
11) come è nata l’idea di aprire il blog?

ecco, ora tocca a voi!

Comments

  1. says

    Ho letto tutte le risposte, ma ovviamente la 10 mi incuriosiva più di tutte!
    Sei stata brava ad accorgerti che i nonni cominciano a diventare stanchi e che quell’aiuto che prima disdegnavano ora lo considerano prezioso. Anche io, confesso, ogni tanto comincio ad avere le giornate “no”, ma so che dirlo solleverebbe troppi problemi. Purtroppo si invecchia e uno si aspetta che diventare vecchi si cominci da decrepiti, ma non è così. Anche io anagraficamente non sono vecchissima, eppure ho dolori e doloretti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *